QuiLibri #36


Care lettrici e cari lettori,

Il numero 36 (luglio-agosto) di QuiLibri è arrivato ed è in via di distribuzione per tutti gli abbonati. Chi non ha sottoscritto l’abbonamento annuale può acquistare la rivista con una semplice telefonata presso la casa editrice Moretti&Vitali (035- 251300). Cliccando QUI, inoltre, è possibile abbonarsi con un semplice clic!

Il nuovo numero è particolarmente ricco. Abbiamo dedicato il dossier al tema della Fantascienza. Carla Stroppa apre il dossier con l’articolo Fantascienza: il linguaggio della notte il sogno e il cyberspazio. Segue l’intervento del sociologo Nino Salamone, appassionato di Fantascienza e autore di numerosi romanzi che racconta come è nato questo suo interesse. Serena Bedini ha scritto un articolo sulla letteratura di Fantascienza mentre Claudio Tugnoli e Alessandro Defilippi hanno approfondito rispettivamente Ray Bradbury e G. Ballard. Diego Fusaro, invece, ha analizzato il film Matrix attraverso la filosofia di Karl Marx ma anche di Nietzsche e Schopenauer. Carl Gustav Jung e i dischi volanti è il titolo dell’articolo di Franco Livorsi mentre Paolo Barbieri si è interrogato su cosa resta della teologia cristiana se altrove vivono altri esseri intelligenti. Il cinema e la fantascienza è il tema trattato da Giuseppe Colangelo e, infine, Hilarius Moosbrugger ha ricordato Jules Verne e il suo editore.

Nella sezione Approfondimenti potrete leggere l’articolo di Roberto Caracci sull’ultimo libro di Carla Stroppa, Il doppio sguardo di Sophia.

Giampaolo Nuvolati firma un pezzo sul personaggio del flâneur; La religiosità nella storia dall’età dei Lumi ai fondamentalismi è il tema trattato da Franco Livorsi; Claudio Tugnoli firma invece il pezzo: Viviamo nell’epoca dell’immagine: ecco perché rileggere Walter Benjamin; Infine Francesco Roat presenta l’ultimo libro di Flavio Ermini.

Seguono le rubriche, le recensioni e Lo Scaffale con tutte le novità editoriali.

Da segnalare che anche la copertina di questo numero, grazie ai nostri Sergio Borrini e Nadia Nava, si avvale dell’immagine di un’opera di un grande artista. Dopo Gillo Dorfles, Emilio Isgrò, Ugo La Pietra è la volta di Giuseppe Maraniello.

QuiLibri ha anche inaugurato il nuovo sito www.quilibri.eu e la pagina Facebook. Due strumenti per rimanere più vicini ai lettori attraverso proposte nuove come, per esempio, le rubriche Una poesia al giorno e Un capolavoro in 3 minuti.

Ermini-2-1