‘Il doppio sguardo di Sophia’ (Carla Stroppa), recensione di Clementina Pavoni